Madonna di Campiglio: le origini del nome, un po’ di storia e cultura

Inverno - Estate - Escursioni - Alpina Consiglia

Madonna di Campiglio: le origini del nome, un po’ di storia e cultura

In questo post vogliamo rispondere ad alcune domande e curiosità che ci ponete spesso circa la nostra località, la bella Madonna di Campiglio.

Dove si trova Madonna di Campiglio

Madonna di Campiglio si trova a 1.550 metri di altitudine alla sommità della Val Rendena e nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta. Il paese di Madonna di Campiglio in realtà è una frazione dei comuni di Pinzolo e di Tre Ville, in Provincia di Trento, anche se nel tempo è diventata una delle più rinomate stazioni sciistiche dell’arco alpino, degna dell’appellativo di “Perla delle Dolomiti”.

Perché si chiama Madonna di Campiglio?

Il nome “Madonna” sembra avere origine da un antico scritto del 1222 del monaco Oprando, che faceva riferimento all’Ospedale dove lui operava, quello della “gloriosissima Madre di Dio Maria di Ambino”.

La seconda parte del nome “di Campiglio” vorrebbe significare “piccolo campo/pianura”. Infatti Madonna di Campiglio si presenta come uno spiazzo pianeggiante per chi sale da una delle valli limitrofe: la Val Rendena e la Val di Sole.

In epoca successiva venne costruita una cappella dedicata a Santa Maria di Campiglio che diventò poi “Madonna di Campiglio”.

Un po’ di storia…

A seguito del passaggio di alcuni escursionisti stranieri Madonna di Campiglio inizia a farsi conoscere, fino ad essere uno dei luoghi di villeggiatura più amati dall’Impero Asburgico. Nel 1868 un certo Giambattista Righi di Strembo eresse il primo albergo, oltre ad intraprendere a proprie spese la costruzione di una strada di collegamento tra la Val Rendena e Campiglio, in modo da renderla raggiungibile in carrozza.

A fine Ottocento passavano il loro tempo qui la Principessa Sissi e Francesco Giuseppe, Imperatore d’Austria, con tutto il seguito di nobili e dame di corte. Si svolgevano battute di caccia, concerti e balli sontuosi, di cui rimane traccia ancora oggi nelle celebrazioni annuali del “Carnevale Asburgico” nel salone Hofer, magnificamente affrescato con scene di storia locale. A loro sono dedicati anche alcuni sentieri, quelli dove erano soliti passeggiare: come il Sentiero dell’Imperatore e dell’Imperatrice, per esempio.

Il passaggio ai fasti degli anni 90’ è piuttosto breve: già alla fine degli anni ’40 si iniziano a costruire i primi impianti sciistici, arrivano le funivie e con esse le gare internazionali di Coppa del Mondo, come la 3-Tre, ancora oggi uno degli eventi più importanti nel panorama dello sci alpino mondiale.

Cosa vedere a Madonna di Campiglio e dintorni

Se mettiamo da parte per un momento il motivo principale che porta migliaia di ospiti nazionali ed internazionali a Madonna di Campiglio, cioè lo sci alpino e la vasta rete di piste e funivie, possiamo concentrarci sulle bellezze storiche e sulle attrazioni dei dintorni.

Se siete in Val Rendena non può mancare una visita ai Borghi più Belli d’Italia di Rango e San Lorenzo in Banale, piccoli paesi rurali che hanno conservato le tradizionali architetture antiche: dai vòlti a botte, ai balconi ricoperti di pannocchie, vi sembrerà di tornare nelle atmosfere medioevali.

Nelle giornate di pioggia trovate un po’ di relax alle Terme di Val Rendena – Fonte S.Antonio di Caderzone Terme oppure potete visitare le bellissime chiese affrescate dai Baschenis a Spiazzo, Pinzolo e Carisolo. Si tratta di opere medioevali estremamente colorate, da non perdere se amate l’arte.

Tanti piccoli musei locali della Val Rendena vi avvicineranno alla cultura locale. Nei pressi di Caderzone vale la pena conoscere il Museo della Malga ospitato nel Palazzo Lodron-Bertelli: nasce per ricordare l’identità montana e le sue tradizioni.

Il Museo dello sci a Darè racconta le origini dello sport di montagna più amato di tutti i tempi, mentre il Museo della Guerra Bianca a Spiazzo ci riporta ai tempi della Grande Guerra combattuta sul fronte dell’Adamello.

A più ampio raggio si possono visitare i musei ed i castelli più famosi come il Muse di Trento, il Castello del Buonconsiglio (vedi Cosa vedere a Trento), il castello di Stenico e Castel Thun.

Dal punto di vista naturalistico provate a dare un’occhiata alla sezione esperienze: abbiamo dato ampio spazio ad approfondimenti sul Parco Naturale Adamello Brenta, le Cascate di Vallesinella, il Giro dei 5 laghi, la Val Genova e tante escursioni a piedi tra i rifugi.

Non vi basta? Provate ad esplorare questi articoli su Madonna di Campiglio:

Cosa fare in estate

Cosa fare in inverno

Piste e funivie

Madonna di Campiglio per chi non scia

Arrivati a questo punto solo una domanda rimane inevasa…

Dove dormire a Madonna di Campiglio?

Naturalmente all’Hotel Alpina, il vostro hotel pieno di idee e consigli di viaggio.

Per scoprire come arrivare date un’occhiata alla pagina dedicata. L’Hotel Alpina è proprio nel centro di Madonna di Campiglio, di fronte alle piste.

Ci vediamo presto!

RICHIEDI INFORMAZIONI



RICONOSCIMENTI
NEWSLETTER

Ricevi le nostre offerte e novità

Trentino
Madonna di campiglio
Dolomeetcard
EcoWorldHotel
Qualità Parco
Brenta Bike

***

HOTEL ALPINA

Dolomiti di Brenta - Madonna di Campiglio - Trentino

38086 Madonna di Campiglio (TN) - Via degli Sfulmini, 5 - Tel. +39 0465 441075 - Fax. +39 0465 841002 - hotel@alpina.it

Aldrighetti Romeo & C. snc - C.F/P.IVA 00624520227



Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi